Visualizzazioni totali

venerdì 13 gennaio 2012

Ecco con un pò di ritardo che parleremo della nostra prima tecnica...O SOTO GARI...


O Soto Gari appartiene al primo gruppo del Go Kyo Dai Ikkyo ed è classificata come un ashi waza, ovvero una tecnica in cui la parte principale usata per la proiezione è la gamba.




Lo squilibrio tende a portare uke verso l’indietro-destra, quindi il piede sinistro di tori prende posizione all’esterno del piede di uke all’altezza del suo avampiede a circa una spanna.
Il contatto avviene fra la spalla destra di tori e la spalla destra di Uke, mentre il braccio sinistro di Tori tira verso il basso e il braccio destro al bavero, mantenendo il contatto, spinge verso sinistra. Importante mantenere il ginocchio della gamba d’appoggio leggermente flesso, per permettere al piede di mantenersi in spinta appoggiando solo l’avampiede, per non sbilanciarsi all’indietro.
La testa di tori deve protendere verso il basso, quasi appoggiandosi sul braccio di Uke nella direzione dello squilibrio. A questo punto con un movimento d’anca volto a schivare il corpo di uke, si proietta la gamba destra oltre la gamba di Uke, mantenendola diritta e la si falcia con forza. La proiezione avviene all’indietro. Se il piede d’appoggio è più arretrato rispetto al piede di Uke, la gamba che falcia si ritrova piegata e la falciata diventa un agganciamento con la proiezione effettuata aiutandosi con il peso del corpo.
Grande esperto di O Soto Gari è stato Yasuhiro Yamashita uno dei più grandi campioni del Judo moderno.

Ecco una sua dimostrazione:

Dite tutto quello che volete in merito e speriamo commentiate in tanti...
Buon Judo a tutti...

Fonti: infojudo.com - Judo Basico Iniziale M° Hatfull

Nessun commento:

Posta un commento

Posta un commento